mercoledì 10 giugno 2015

summer reading



L estate non è ancora ufficialmente arrivata ma si sta facendo bene anticipare da una calda fine primavera e ..e speriamo rimanga così fino a fine settembre...a  chi si lamenta che fa troppo caldo..volentieri ricordo l estate dello scorso anno.
quindi incrociamo le dita e ..per favore estate riscaldaci per bene.
Estate per me come per molti credo, non è solo sinonimo di sole, spiagge ecc ecc  ma anche di lettura.
La scorsa domenica ho iniziato un libro bellissimo che, complice il ritardo della parrucchiera ieri, ho già divorato
Il libro si intitolata
uccidi il padre


mi permetto assolutamente di consigliarvelo, sicuramente se come me siete amanti del genere  thriller, lo divorerete.
il libro è scritto molto bene con ritmo veloce ed  incalzante l abilità dello scrittore rende difficile la chiusura delle pagine.

questa è la trama e...buona lettura

Un bambino è scomparso in un parco alla periferia di Roma. Poco lontano dal luogo del suo ultimo avvistamento, la madre è stata trovata morta, decapitata. Gli inquirenti credono che il responsabile sia il marito della donna, che in preda a un raptus avrebbe ucciso anche il figlio nascondendone il corpo. Ma quando Colomba Caselli arriva sul luogo del delitto capisce che nella ricostruzione c'è qualcosa che non va. Colomba ha trent'anni, è bella, atletica, dura. Ma non è più in servizio. Si è presa un congedo dopo un evento tragico cui ha assistito, impotente. Eppure non può smettere di essere ciò che è: una poliziotta, una delle migliori. E il suo vecchio capo lo sa. Le chiede di lavorare senza dare nell'occhio al caso e la mette in contatto con Dante Torre, soprannominato "l'uomo del silos", esperto di persone scomparse e abusi infantili. Di lui si dice che è un genio, ma che le sue capacità deduttive sono eguagliate solo dalle sue fobie e paranoie. Perché da bambino Dante è stato rapito e, mentre il mondo lo credeva morto, cresceva chiuso dentro un silos, dove veniva educato dal suo unico contatto col mondo, il misterioso individuo che da Dante si faceva chiamare "Il Padre". Adesso la richiesta di Colomba lo costringerà ad affrontare il suo incubo peggiore. Perché dietro la scomparsa del bambino Dante riconosce la mano del "Padre". Ma se è così, perché il suo carceriere ha deciso di tornare a colpire a tanti anni di distanza? E Colomba può fidarsi davvero dell'intuito del suo "alleato"?




4 commenti:

  1. Dazieri è una garanzia, dopotutto :) La trama sembra intrigante, amo i thriller/polizieschi ambientati in Italia^^
    Anche qui l'estate è arrivata, tranne quando diluvia il pomeriggio... :p

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cavolo qui perfortuna ancora niente grandi diluvi estive e speriamo resti così! questo libro è una bomba assolutamente ti cosniglio di legegrlo..vedrai ti prende come pochi! è scritto davvero molto bene

      Elimina
  2. Io sto leggendo "la profezia della curandera" ...non credevo, ma è davvero bello! Parla del potere che hanno le donne...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. quasi quasi finito il libro inizato ieri, se mia sorella non mi passa uno dei suoi mitici libroni, vado a cercalo direi che il tema mi incuriosice e interessa molto!

      Elimina