domenica 17 febbraio 2013

una giornata ad AMsterdam




La nostra prima giornata ad AMsterdam è iniziata in modo molto pigro..dopo una very lazy sveglia ed una ricca colazione in albergo ci siamo incamminati nella zona del centro medioevale della città, comodamente raggiungibile  a piedi dall hotel..e poi tutto il centro della capitale olandese è piccolino..
siamo stati a lungo in dubbio..volevamo affittare una vespa per poter girare in modo più free , anche perchè abbiamo notato che in città si può girare in vespa senza casco , in due e sulle piste ciclabili..ma abbiamo abbandonato l idea perchè sapevamo che ci saremmo persi tanto ..a piedi si notano molte più cose..e per fortuna abbiamo cambiato idea visto come ha poi nevicato nel pomeriggio..
dalla zona centrale ci siamo diretti verso Jordaan, uno dei quartieri più caratteristici della città.
Un quartiere un tempo operaio ora molto alla moda, non solo operai ma anche ebrei risiedevano in questa zona, è infatti qui che si trova la casa di Anna Frank, casa che io non visitato vista la lunghezza della coda...non so sel potete notare alle mie spalle in questa foto alle mie spalle a sinistra..

Immagino di aver perso molto ma fare un ora di coda per poi immaginare momenti molto tristi della vita di una giovane ragazzina non mi andava...On my way verso la casa di Anna mi sono imbattuta nell homomonument

un memoriale creato per celebrare gay e lesbiche che sono stati soggetti a persecuzioni per il loro orientamento sessuale.
L opera è composta da 3 triangoli di granito rosa che  a loro volta compongono un triangolo più grande.
il monumento si ispira  a 3 dimensioni temporali: un ammonimento al passato, un confronto con il presente e un ispirazione per il futuro. Il tema è triangolare e di colore rosa perchè questo era il simbolo con cui venivano indicati i gay nei campi di concentramento.
Poco dopo aver attraversato il ponte della casa di Anna, ci siamo ritrovati nel cuore di Jordaan



Vi siete mai chiesti come mai le case sono di dimensioni così diverse nella città?
Perchè c'è stato un periodo in cui le tasse relative alla casa si pagavano in base alla grandezza della casa, senza considerare altri dati come l altezza ad esempio..
c'è cosi una acsa che è addirittura larga quanto una finestra..








Vagando tra le vie della città ci siamo ritrovati nella zona dei musei, il museo di Van gogh per lavori è chiuso in questo periodo e si è spostato all ermitage ma...essendo stati raggiunti da una bufera di neve non abbiamo avuto nè il coraggio nè la forza di cercarlo e ci siamo rifugiati nell heineken musem...
ecco un pò di foto








Nessun commento:

Posta un commento